INDIETRO
ott 6, 2017 |
Giurisprudenza Usura su Finanziamenti | Corte di Cassazione - Sentenze Fondamentali sull'Usura | 

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 13 luglio – 4 ottobre 2017, n. 23192

Nei contratti di finanziamento gli interessi corrispettivi e moratori si cumulano al fine della verifica del superamento del tasso soglia dell'usura. L’art. 1 della l. n. 108 del 1996, che prevede la fissazione di un tasso soglia al di là del quale gli interessi pattuiti debbono essere considerati usurari, riguarda sia gli interessi corrispettivi che quelli moratori.

Se il tasso è superato nessun interesse è dovuto alla banca perché ai sensi dell'articolo 1815 cc la pattuizione originaria del tasso di mora è contraria alla legge 108/96 e non spetta la restituzione di alcun tipo d'interesse.

Download allegati: Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 1, ordinanza 13 luglio – 4 ottobre 2017, n. 23192

INDIETRO


Questo articolo ti è piaciuto? Aiutaci a farlo conoscere