INDIETRO
giu 18, 2013 |
Giurisprudenza Verifica Cartelle Equitalia | Corte di Cassazione | 

Cassazione Civile, Ordinanza Sez. VI - T Civile n. 15188 /2013 del 18/06/2013

La sentenza ribadisce il concetto che la trasparenza è sempre essenziale in ogni atto amministrativo, soprattutto se impositivi ed esattoriali. Secondo i giudici di legittimità la cartella di pagamento costituisce l’atto con il quale il contribuente viene a conoscenza per la prima volta della pretesa fiscale e come tale deve essere adeguatamente

motivata con l’obbligo di contenere indicazioni sufficienti a consentire al contribuente l’agevole identificazione della causale delle somme pretese dall’amministrazione finanziaria. Non sussiste alcuna equipollenza tra la corretta indicazione di tali elementi nell’atto impugnato e la conoscenza che, di fatto, di essi abbia avuto il contribuente: “giacché nessuna equipollenza assume rilievo, essendo piuttosto necessario il corretto adempimento dell’obbligo di motivazione del ruolo e della cartella

Download allegati: Cassazione Civile, Ordinanza Sez. VI - T Civile n.15188 /2013 del 18/06/2013

INDIETRO


Questo articolo ti è piaciuto? Aiutaci a farlo conoscere