Software Piano di Ristrutturazione

 

Piano di Ristrutturazione è una soluzione software unica nel suo genere: consente di realizzare complessi progetti di ristrutturazione economico-finanziaria per aziende di qualsiasi dimensione in difficoltà o in crisi che non vogliano utilizzare gli strumenti offerti dalla Legge fallimentare. Consente di simulare gli effetti di consolidamenti e stand still di mutui e leasing, di rateizzazioni fiscali, di stralcio di debiti v/fornitori, di dismissione di partecipazioni, di immissione di Equity e/o di nuova finanza, ecc e rapportarli ai cash flow previsionali. Genera un report automatico completo che ricostruisce le condizioni di riequilibrio economico-finanziario.

Inserimento manuale e automatico dei bilanci tramite  e

Aggiornato al D.Lgs. 139/2015 Nuovi schemi di bilancio e allo Split payment D.L. 50/2017

  • Facilita l’input fornendo indicazioni per l’inserimento dei dati previsionali
  • Valuta la sostenibilità economico finanziaria del Piano presentato
  • Consente di definire la strategia di ristrutturazione associata alle diverse simulazioni effettuate

Piano di Ristrutturazione automatico
Il software genera un report automatico di circa 70 pagine ricco di testi, indici, tabelle e grafici.

Commenti dinamici automatici
Il software, grazie a specifici algoritmi di business intelligence, genera all’interno del report dei commenti automatici dinamici che descrivono i risultati ottenuti.

Scarica Fac Simile Piano di Ristrutturazione

Scaricabile e modificabile
Il report è scaricabile sul proprio Pc ed è modificabile ed editabile secondo le diverse esigenze.

Formati download
Il report è scaricabile in formato: word, excel e pdf

Abbonati online al Software
Piano di Ristrutturazione

Puoi procedere all'acquisto con:

  • PayPal (attivazione immediata) 
  • Carta di credito (attivazione immediata) 
  • Bonifico bancario (attivazione immediata alla ricezione della copia della contabile)

Acquista con serenità: alla scadenza non è prevista alcuna clausola di rinnovo tacito. 
Per abbonarsi è necessaria la registrazione al portale. Per ulteriori informazioni consulta la guida online.

1 mese

€ 140
€ 112

€ 112/mese
 Abbonati

3 mesi

€ 315
€ 252

€ 84/mese
 Abbonati

6 mesi

€ 546
€ 437

€ 73/mese
 Abbonati

12 mesi

€ 740
€ 592

€ 50/mese
 Abbonati

Rateale

12 mesi

€ 814
€ 651

€ 55/mese
 Abbonati

Tutti i prezzi si intendono IVA esclusa
* L'Offerta "Start" consente di estendere l'abbonamento a 3, 6 o 12 mesi pagando solo la differenza 

Assistenza Telefonica

Assistenza telefonica inclusa nel prezzo
e fornita da professionisti esperti,
Lun/Ven: 9.00 - 13:30 / 15.00 - 18.30

 

Pratiche illimitate

Puoi creare e modificare tutte
le pratiche e progetti che desideri
senza nessuna limitazione

Attivazione Immediata

Utilizzo immediato dei software
con carta di credito, Paypal
o bonifico bancario

Report automatici

I software elaborano in automatico
perizie e report scaricabili
e modificabili senza limitazioni

A chi è rivolto

Il software è rivolto a dirigenti d’azienda, consulenti e professionisti (Commercialisti, Advisor finanziari, Avvocati d’affari, Manager, Direttori Finanziari, etc.) incaricati di individuare la strategia più opportuna per consentire all’azienda di superare un momento di difficoltà/crisi economico finanziaria e conseguire così un rilancio dell’attività.

A cosa serve

Il software è uno strumento essenziale per redigere il Piano industriale nel caso di accordi con i creditori aziendali senza utilizzare gli strumenti di risoluzione della crisi offerti dalla Legge fallimentare.
In particolare:

  • Richieste/Piani di consolidamento dei debiti finanziari
  • Piani di rateizzo di debiti fiscali e previdenziali
  • Analisi finanziarie avanzate verifica della sostenibilità e della redditività di nuovi investimenti
  • Analisi complessive sulla manovra finanziaria e sulla sostenibilità della ristrutturazione

Per effettuare piani di ristrutturazione aziendale nel caso di procedure concorsuali:

  • Concordato in continuità aziendale di cui all’art. 161 L.F. come integrato dall’art. 186 bis L.F.
  • Accordi di Ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis-ter l.f.
  • Piani attestati di risanamento ex art. 67 l.f.

si prega di utilizzare il prodotto specifico: Piano Industriale Procedure Concorsuali


Facile da utilizzare

Il software Piano di Ristrutturazione è rivolto a clienti esperti ed esigenti, che richiedono un piano completo e dettagliato, frutto di elaborazioni e calcoli complessi. Nonostante la notevole capacità di calcolo, che permette di realizzare piani molto professionali e complessi, il software si contraddistingue per la sua facilità d’uso che lo rende uno strumento molto intuitivo e di immediato utilizzo.

La principale novità del software, che lo rende unico nel suo genere, consiste nella possibilità di raccordare i dati previsionali anche alla situazione contabile infrannuale e non necessariamente ad un bilancio al 31/12. Ciò rende l’analisi previsionale molto più precisa e performante.

Il software calcola automaticamente (scegliendo l’opzione corrispondete) per ciascun credito l’interesse legale fino alla data del pagamento. Se quest’ultimo è frazionato il tasso verrà applicato sulla quota residua per il periodo corrispondente al fine di rendere il calcolo estremamente preciso.

 

processo Piano di Ristrutturazione

 

1. Input dati di bilancio

 

software piano industriale il Software:

  • evidenzia e schematizza schematizza i dati da inserire: l’imputazione dei dati risulta agevolata dal format di inserimento che ripropone una maschera del tutto simile al bilancio ufficiale (schema “IV direttiva CEE”) in una versione c.d. espansa 
  • segnala eventuali errori  nell’inserimento dei dati 

software piano industrialeL'utente:

  • inserisce i dati dei bilanci a consuntivo o della situazione contabile assestata nelle maschere di input già determinate dal software 

 

2. Input cronoprogramma pagamento dei debiti  

software piano industrialeL'utente:

  • L’utente inserisce il valore della massa debitoria che rientra nella procedura e la previsione temporale del relativo pagamento:
    • Debiti Commerciali e altri debiti 
      Debiti verso fornitori
      Fondi per rischi e oneri
      Trattamento di fine rapporto
      Acconti
      Debiti verso imprese controllate commerciali
      Debiti verso imprese collegate commerciali
      Debiti verso controllanti commerciali
      Debiti verso soci per dividendi o altro
      Debiti verso amministratori o sindaci
      Debiti verso il personale
      Altri debiti
      Ratei e risconti passivi
    • Consolidamento debiti Tributari e previdenziali 
      Debiti tributari entro e oltre 12 mesi
           a) IRES
           b) IRAP
           c) Debiti per IVA
           d) Debiti verso l'Erario per ritenute operate alla fonte
           e) Altri debiti tributari
      Debiti previdenziali entro e oltre 12 mesi
           a) Enti previdenziali
           b) Altri enti
    • Debiti finanziari
      Nello specifico, si richiede l’inserimento delle seguenti informazioni:

      - Capitale: riportare l’ammontare del debito scaduto in quota capitale (ovvero il totale delle quote capitale scadute e non pagate).
      - Int. Scaduti: riportare l’ammontare del debito scaduto in quota interessi (ovvero il totale delle quote interessi scadute e non pagate).
      - Int. Legali: scegliere dal menu a tendina se debbano essere applicati o meno gli interessi legali sulle quote scadute.

      Obbligazioni
      Obbligazioni convertibili
      Debiti verso soci per finanziamenti
      Debiti verso banche entro 12 mesi
      Debiti verso banche oltre 12 mesi
      Debiti rappresentati da titoli di credito
      Debiti per leasing
      Debiti verso altri finanziatori
      Debiti verso imprese controllate finanziari
      Debiti verso imprese collegate finanziari
      Debiti verso controllanti finanziari
      Debiti verso finanziatori per interessi maturati

  

 

3. Input dismissione immobilizzazioni e partecipazione ed incasso crediti  

software piano industrialeL'utente:

  • Per ciascuna sotto-categoria viene riportato il valore iscritto all’ultima situazione economico-patrimoniale inserita e viene data all’utente la possibilità di gestire fino a 5 distinte operazioni di dismissione di beni appartenenti a ciascuna sotto-categoria. Ogni riga di inserimento gestisce una singola operazione di cessione.

    Per ogni singola operazione di cessione bisognerà indicare:

    Descrizione (opzionale): imputare una stringa di testo identificativa dello specifico bene da cedere.

    Valore al gg/mm/aaa: riportare il valore di iscrizione del bene considerato all’ultima situazione economico-patrimoniale inserita.

    Svalutazione: riportare l’importo di una eventuale svalutazione da applicare in riduzione del valore del bene prima di prevederne la cessione. La svalutazione sarà immediatamente contabilizzata al primo mese del periodo previsionale.

    Valore vendita: riportare il valore di vendita previsto del bene (al netto dell’Iva).

    Mese vendita: scegliere dal menu a tendina il mese in cui il bene verrà dismesso. In corrispondenza del mese indicato verrà registrata una riduzione del valore delle immobilizzazioni per un importo pari al valore del bene ceduto al netto della eventuale svalutazione prevista.

    In funzione del valore di iscrizione, della svalutazione e del valore di vendita, il software indicherà automaticamente l’importo della eventuale plusvalenza/minusvalenza prevista (che verrà registrata contabilmente nel mese di vendita indicato).

    % Iva: indicare l’aliquota Iva (se applicabile) imponibile alla cessione del bene.

    Occorre infine indicare nella maschera di inserimento degli incassi il/i valore/i delle somme ricevute per la cessione del bene (al netto dell’Iva) ed i relativi mesi in cui queste verranno incassate.

    E’ anche possibile prevedere nuovi investimenti in immobilizzazioni e/o acquisto di partecipazioni
  • gestirà i crediti da incassare le cui risorse saranno impiegate per la procedura:
    • Incasso crediti v/clienti non scontati 
      Scopo di questa sezione di inserimento è determinare quando ed in quale misura verranno incassati i crediti commerciali di cui l’azienda dispone, per la parte relativa a quei crediti sui quali non è stata attivata alcuna operazione di anticipo tramite un istituto di credito.

      L’utente inserirà in ciascuna riga del prospetto le informazioni relative a ciascuno dei crediti commerciali a breve termine che l’azienda non ha presentato allo sconto. Per ciascuno di questi andranno indicati:

      Descrizione Credito (opzionale): imputare una stringa di testo identificativa dello specifico titolo di credito (recante ad es. il nome/ragione sociale del cliente debitore).

      Valore all’ultimo bilancio: riportare il valore di iscrizione del credito all’ultima situazione economico-patrimoniale

      Svalutazione: riportare il valore di una eventuale svalutazione da applicare al credito in oggetto.

      Va infine compilato il prospetto Incassi Iva inclusa. Le modalità di compilazione sono del tutto analoghe a quelle del prospetto di inserimento dei nuovi investimenti alla schermata Immobilizazioni. Si rimanda alla relativa sezione per consultazione.
    • Gestione dei crediti v/clienti oggetto di sconto  bancario
      Questa sezione consente all’utente di determinare la dinamica di incasso dei crediti che l’azienda ha già presentato allo sconto prima della chiusura della situazione.
      L’utente dovrà innanzitutto compilare la riga di inserimento Affidato Sconto Fatture, indicando con cadenza mensile per il primo anno di previsione ed annuale per i successivi quattro, l’ammontare del fido concesso dalla banca per l’anticipazione delle fatture emesse dall’azienda. Bisogna inoltre indicare, al campo Commissione % sullo sconto, la percentuale sull’importo della fattura che la banca trattiene nel momento in cui questa viene presentata allo sconto.

      Occorre poi compilare la successiva sezione di inserimento in cui, riga per riga, andranno inserite le informazioni riguardanti ciascuno dei crediti presentati allo sconto ed in particolare:

      Composizione dell’utilizzo (campo obbligatorio): imputare una stringa di testo identificativa dello specifico titolo di credito (recante ad es. il nome/ragione sociale del debitore).

      Importo Fattura Scontata: riportare l’importo della fattura scontata, Iva inclusa.

      Mese di scadenza: scegliere dal menu a tendina il mese in cui si prevede che il debitore paghi la fattura. Scegliere l’opzione Credito Scaduto se si prevede che il debitore non paghi la fattura, nemmeno per un importo ridotto (nel caso si scelga questa opzione, i due successivi campi non andranno compilati):

      Importo non pagato: riportare l’eventuale importo che si prevede che il debitore non paghi, una volta sopraggiunta la scadenza (dettata dal campo precedente Mese di scadenza). Inserire il valore 0 se si prevede che il debitore onori interamente la fattura.
    • Incasso altri crediti 
      Crediti v/clienti oltre 12 mesi
      Crediti v/imprese controllate entro 12 mesi
      Crediti v/imprese controllate oltre 12 mesi
      Crediti v/imprese collegate entro 12 mesi
      Crediti v/imprese collegate oltre 12 mesi
      Crediti v/imprese controllanti entro 12 mesi
      Crediti v/imprese controllanti oltre 12 mesi
      Crediti v/altri entro 12 mesi
      Crediti v/altri oltre 12 mesi
      Ratei e risconti attivi

  

4. Input dati previsionali di continuità  

 

software piano industrialeL'utente:

  • Data inizio procedura: indicare la data in cui l’azienda riceve l’omologa per l’avvio della procedura. Questa data viene assunta come riferimento per il consolidamento dei debiti verso banche a breve.
    Quota perdite riportabili: indicare l’ammontare di eventuali perdite deducibili ai fini IRES/IRAP.
    Aliquota Ires: riportare il valore dell’aliquota IRES, che il software impiegherà per calcolare l’imposta previsionale.
    Aliquota Irap: riportare il valore dell’aliquota IRAP.
    Versamento eventuale Iva: scegliere dal menu a tendina, per ciascun anno della previsione, se debba procedersi o meno al versamento, mese per mese, del saldo Iva a debito generato dalla gestione corrente. Versamento eventuali imposte IRES/IRAP: scegliere dal menu a tendina, per ciascun anno della previsione, se debba procedersi o meno al versamento, entro i termini stabiliti dalla legge, degli acconti e dei saldi di imposta.
    Tipologia azienda: scegliere dal menu a tendina l’opzione Immobiliare se l’azienda oggetto della procedura è una Società immobiliare, scegliere l’opzione Altro in tutti gli altri casi.
    Importo affidamento: riportare l’ammontare del fido per cassa concesso all’azienda.
    Tasso interesse lordo fido: riportare il valore del tasso di interesse effettivo applicato dalla banca sugli scoperti di conto corrente, comprensivo di ogni remunerazione del credito.
    Saturare utilizzo fido: scegliendo l’opzione SI, il software prevederà che il fido di cassa venga sempre utilizzato (entro il limite della disponibilità dettata dall’affidamento), anche nel caso in cui la gestione ordinaria generi un flusso di cassa tale da consentire la riduzione dello scoperto di conto. Scegliendo NO si prevede invece che nel momento in cui la gestione ordinaria determina una cassa positiva, parte di questa liquidità venga assorbita per ridurre (o annullare) lo scoperto di conto (e quindi il relativo debito finanziario).
     
    • Costi per la Procedura 
    • Costi Gestione in continuità 

      La sezione è organizzata in diversi prospetti, associati alle diverse categorie di costi. Per ciascun prospetto (tranne quello relativo al costo del lavoro) è possibile inserire nelle celle a sfondo bianco descrizioni identificative degli specifici costi previsti. Per ciascuna categoria di costo prevista l’utente deve indicare l’ammontare del costo da sostenere, per ciascun mese del primo anno previsionale. Per tutti i costi ai quali sia applicabile l’Iva, bisogna inserire gli importi al netto dell’Iva e dare separata indicazione dell’aliquota Iva. Per ciascuna voce di costo prevista (ad eccezione dei costi del lavoro) è possibile stabilire il numero di “giorni di pagamento” ovvero l’arco di tempo, in giorni, intercorrente tra l’emissione della fattura da parte del fornitore (e relativa contabilizzazione) ed il pagamento delle somme da parte dell’azienda. Bisogna a tal fine compilare il campo GG Pagamento, selezionando dal menu a tendina l’opzione desiderata (o, 30, 60, 90…). Nel caso in cui si lasci il campo non compilato, il software assumerà di dafault 0 giorni di pagamento, ovvero l’inserimento di costi alla riga corrispondente comporterà, mese per mese la registrazione di una uscita di cassa pari all’importo inserito aumentato dell’Iva.

      Il prospetto di inserimento Gestione Magazzino Materie Prime richiede infine che l’utente riporti per ciascun mese del primo anno previsionale il valore previsto delle rimanenze di materie prime.

      N.B. Al prospetto Costo del Lavoro il software richiede l’inserimento di alcuni importi che hanno una natura puramente contabile, ovvero che non comportano uscite di cassa e di altri che invece coinvolgono direttamente la cassa.
      Ad es. l’inserimento di importi alla voce Salari e stipendi CONTABILE comporterà la registrazione a Conto Economico di un costo per salari e stipendi nel mese corrispondente. Questo costo verrà iscritto in contropartita ad un incremento dei debiti verso dipendenti. La compilazione di tale riga comporta quindi una movimentazione di natura puramente contabile.
      La compilazione della successiva riga (Salari e stipendi PAGATI) comporterà invece la registrazione di una uscita di cassa, in contropartita ad una riduzione del debito verso dipendenti (ma non comporterà l’iscrizione a Conto Economico di un costo di competenza nel mese considerato).
      Il funzionamento e le dinamiche di registrazione contabile sono del tutto analoghe per le righe riguardanti gli oneri sociali.
      Per quanto attiene invece alla gestione della dinamica corrente del fondo TFR, attraverso la riga Accantonamento a fondo TFR è possibile prevedere incrementi del fondo TFR (in contropartita alla registrazione di un costo di competenza). La riga Versamento TFR gestione esterna consente invece di prevedere il versamento di quote destinate ad un fondo esterno di gestione del TFR. Tale operazione comporterà una uscita di cassa e la registrazione di un costo a Conto Economico. La riga Rimborso TFR, infine, consente all’utente di prevedere il versamento del TFR ai dipendenti. Verrà in questo caso registrata una uscita di cassa in contropartita ad una riduzione del fondo TFR.
    • Fatturato Gestione in Continuità
      Il prospetto Magazzino Prodotti Finiti richiede l’inserimento da parte dell’utente del valore contabile delle rimanenze di prodotti finiti, per ciascun mese del primo anno previsionale.
      Attenzione: una eventuale riduzione del magazzino di prodotti finiti non comporterà automaticamente la registrazione di un ricavo alla voce Ricavi delle Vendite e Prestazioni. Nel caso in cui si desideri prevedere la vendita di rimanenze di prodotti finiti, oltre alla riduzione del valore del magazzino, l’utente deve indicare il relativo importo fatturato al prospetto di inserimento Fatturato Gestione in Continuità.

      Per le società immobiliari, il presente prospetto non deve contenere dati di fatturato derivanti dalla vendita di cespiti immobiliari (per la gestione dei quali occorre compilare l’apposita sezione, Vendita Cespiti Immobiliari) ma i soli ricavi derivanti da fitti attivi ed altre operazioni.
      Per le società immobiliari, inoltre, la compilazione del prospetto Magazzino Prodotti Finiti non è richiesta in quanto il software genera automaticamente i valori previsionali delle rimanenze di prodotti finiti.

      Il prospetto Altri Ricavi (non generano cassa) consente di contabilizzare gli importi inseriti dall’utente alla voce Altri Ricavi del Conto Economico prevedendo, in contropartita a questi, la riduzione della posta Risconti Passivi oltre 12 mesi (o, in alternativa, della posta Altri Debiti oltre 12 mesi, scelta da effettuarsi tramite l’apposito menu a tendina). Una pratica contabile del genere si rende necessaria laddove l’azienda abbia ricevuto contributi statali in conto capitale e/o in conto esercizio che ha provveduto a registrare in una delle due poste passive su menzionate.
      Nell’inserimento di tali importi l’utente deve naturalmente accertarsi che la posta passiva indicata sia effettivamente comprensiva degli importi inseriti.
    • Gestione Manuale Ammortamenti
      Nell’inserimento delle quote occorre tenere in considerazione l’eventuale cessione di uno o più di tali beni, se prevista alla schermata Immobilizzazioni.
      Le quote di ammortamento delle nuove immobilizzazioni acquisite vengono invece determinate automaticamente dal software e non vanno riportate nel presente prospetto.
    • Vendita Cespiti Immobiliari (anche per società immobiliari)
      Le modalità di compilazione sono del tutto analoghe a quelle della sezione relativa alla cessione delle immobilizzazioni, alla schermata Immobilizzazioni. Le modalità di registrazione contabile di tali operazioni saranno tuttavia profondamente differenti rispetto a quelle previste in caso di alienazione di beni iscritti tra le immobilizzazioni. Nel caso della cessione di immobili gestita dal presente prospetto, infatti, l’operazione di vendita comporterà la registrazione di un ricavo a Conto Economico, in contropartita ad una riduzione del valore delle rimanenze di prodotti finiti. L’utente deve a tal fine indicare il valore con cui ciascun cespite da cedere è iscritto a bilancio tra le rimanenze di prodotti.
    • Nuova Finanza di Terzi
       
    • Nuova Finanza Mezzi Propri
      Per quanto concerne il finanziamento tramite mezzi propri, l’utente ha la possibilità di inserire puntualmente per ciascun mese (od anno) della previsione gli importi di eventuali aumenti di capitale previsti e/o di conferimenti in conto futuro aumento. In aggiunta, è possibile indicare gli importi di eventuali finanziamenti erogati dai soci. Per questi ultimi, si richiede in aggiunta l’inserimento puntuale delle quote di rimborso (in conto capitale) del finanziamento.
  • La gestione degli acquisti di materie prime e del fatturato prevede che l’utente debba impostarne la stagionalità. Con riferimento, ad esempio, agli acquisti di materie prime, il campo Stagionalità acquisti materie prime prevede che l’utente debba scegliere dal relativo menu a tendina tra l’opzione Non calcolare % stagionalità mensile e l’opzione Inserisci manualmente % stagionalità per ogni mese. Nel primo caso, il software ripartirà equamente il costo inserito dall’utente su ciascun mese dell’anno considerato. Nel secondo caso l’utente ha la facoltà di inserire manualmente, per ciascun mese della previsione, la percentuale del costo annuo che deve essere contabilizzata nel mese considerato. Il funzionamento è analogo per la gestione della stagionalità del fatturato.

    In funziona della ripartizione mensile scelta, vengono applicati i giorni di pagamento, che vanno comunque inseriti, per ciascuna categoria di costi/ricavi prevista e per ciascuno degli anni del periodo previsionale.

    La ripartizione mensile di tutte le altre voci di costo previste viene effettuata automaticamente dal software in parti uguali per ciascun mese.

    La registrazione contabile degli Altri Ricavi (puramente contabili) e delle quote di ammortamento avviene invece al 31/12 di ciascun anno.

    

 

5. Elaborazione 

software piano industriale il Software: