Pagina 1 di 1

superamento soglia con spese

Inviato: 17/06/2016, 8:38
da alberto.coppola
salve,
nel progetto al quale ho lavorato vi è assenza di usura ma su alcune rate vi è il superamento del tasso soglia delle spese in quanto nel riquadro spese della verifica pagamenti ho inserito spese di incasso, comunicazione, recupero bollo, spese insoluto, di sollecito, e di esattoria che la cliente ha effettivamente pagato con la rata ma la controparte non condivide queste conclusioni ritenendo che tali oneri non rientrano nella determinazione del tegm e che in più sono dovuti ad un comportamento di inadempienza della cliente che ha pagato in ritardo le rate, che sono escluse dalle istruzioni della banca d'italia per la determinazione del tegm e non rappresentano per la banca alcuna remunerazione del credito, chiedo quindi a voi se effettivamente non andavano inserite nelle spese o in caso contrario una normativa che mi giustifica il loro inserimento.
saluti

Re: superamento soglia con spese

Inviato: 17/06/2016, 10:40
da a.porcaro
alberto.coppola ha scritto:salve,
nel progetto al quale ho lavorato vi è assenza di usura ma su alcune rate vi è il superamento del tasso soglia delle spese in quanto nel riquadro spese della verifica pagamenti ho inserito spese di incasso, comunicazione, recupero bollo, spese insoluto, di sollecito, e di esattoria che la cliente ha effettivamente pagato con la rata ma la controparte non condivide queste conclusioni ritenendo che tali oneri non rientrano nella determinazione del tegm e che in più sono dovuti ad un comportamento di inadempienza della cliente che ha pagato in ritardo le rate, che sono escluse dalle istruzioni della banca d'italia per la determinazione del tegm e non rappresentano per la banca alcuna remunerazione del credito, chiedo quindi a voi se effettivamente non andavano inserite nelle spese o in caso contrario una normativa che mi giustifica il loro inserimento.
saluti


Buongiorno,
riguardo alle spese, per la verifica dell'usura sopravvenuta si fa riferimento all'art. 644 del c.p. che recita "Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito..." Sicuramente quindi si potrà riportare la spesa fissa di incasso e pagamento ma non certo i bolli.
Inoltre determinati oneri accessori per pagamenti di insoluto, bisogna distinguere se applicati come commissione sull'insoluto o sul pagamento ritardato che significa dire applicare un tasso di mora e non una spesa fissa. A tal proposito se si parla di mora, l'importo non va insertito com
e spesa ma effettivamente come mora e quindi nell'apposita colonna IMPORTO MORA del foglio Pagamenti.
Cordiali saluti