Sezione PIANO AMMORTAMENTO

Avatar utente
cloudfinance
Site Admin
Messaggi: 1019
Iscritto il: 11/01/2016, 10:59

Sezione PIANO AMMORTAMENTO

Messaggioda cloudfinance » 18/05/2017, 11:21

Sommario argomenti del post:
Opzioni scadenza rata
Tasso di interesse
Impostazione Tasso Variabile
Opzioni avanzate tasso di interesse
Impostazione Avanzate tasso variabile

Tale schermata riepiloga alcuni dati inseriti nella sezione Contratto. Inoltre, al fine di completare il piano e l’analisi contrattuale l’utente dovrà inserire i seguenti dati:

Immagine


Opzioni scadenza rata
Data di erogazione: la data di erogazione può differire dalla data di stipula e non ha effetti sulla scelta della soglia usura da verificare in fase contrattuale. La data di erogazione fissa l’inizio del periodo di ammortamento del finanziamento o dell’eventuale preammortamento.

Immagine


Scadenza rata: è possibile scegliere tra due diverse opzioni, GIORNO ESATTO oppure FINE MESE.

Scegliendo GIORNO ESATTO la scadenza della rata sarà fissata lo stesso giorno del mese della stipula. È possibile inoltre prevedere un valore in giorni per il preammortamento in modo da modificare il giorno di scadenza. Se ad esempio l’erogazione avviene il 14 marzo e la scadenza è il primo giorno del mese, bisogna inserire 18 giorni di preammortamento per far capitare la scadenza nel giorno corretto.

Se invece si vuole impostare la scadenza alla fine di ogni mese, bisogna scegliere l’opzione FINE MESE ed impostare i giorni di preammortamento quantificando i giorni rimanenti per concludere il mese in corso

Tasso di interesse
Tipologia Tasso: le opzioni disponibili sono Tasso Fisso, Tasso Variabile e Variabile Avanzato. Nel caso di scelta del tasso fisso, il tasso di riferimento per lo sviluppo del piano di ammortamento sarà pari a quello iniziale. Per il tasso variabile, il tasso di riferimento verrà calcolato in base alle impostazioni della sezione

Immagine


IMPOSTAZIONI TASSO VARIABILE. L’opzione VARIABILE AVANZATO consente di indicare puntualmente per ciascuna rata le condizioni di tasso praticate, compilando il prospetto IMPOSTAZIONI AVANZATE TASSO VARIABILE.

Impostazioni Tasso Variabile

Tasso base, opzionabile tra i seguenti:

    Euribor 1, 3, 6, 12 mesi (dal 30/12/1998)
    Media Euribor 1, 3, 6, 12 mesi (in tal caso le medie sono eseguite in base al valore Euribor scelto. Ad esempio la Media Euribor a 3 mesi
    corrisponde alla media dei 3 mesi precedenti del valore dell’Euribor a 3 mesi)
    Media Euribor mese precedente 1, 3 , 6 e 12 mesi. (In questo caso le medie sono eseguite sempre
    sulla base dei valori del mese precedente)
    Prime Rate Abi (dal 31/05/1975 al 31/12/2004)
    Libor CHF 3 mesi (dal 03/01/1989)
    Tasso Ufficiale di Sconto della Banca d’Italia (dal 1/1/1958 al 06/06/2003)
    BCE (dal 1/1/1999)
    Marginal Lending Facility rilevato dalla BCE

Immagine


Rilevazione tasso base giorni: indicare il valore 0 se la quotazione del tasso base viene rilevata il giorno di scadenza della rata precedente; inserire -1 se il tasso viene rilevato un giorno prima della scadenza della rata precedente, -2 se la rilevazione avviene due giorni prima, 1 se avviene un giorno dopo, e così via. In genere il valore da impostare è negativo, cioè bisogna inserire ad esempio -2 se nel contratto il parametro è rilevato due giorni prima dell’inizio del periodo di ammortamento. Un caso di scuola sono i dati del Sole 24 Ore che vengono calcolati con 2 giorni di valuta e quindi nel software va indicato il valore -2 come giorno di rilevazione.

Divisore: inserire il valore da utilizzare nella formula del calcolo degli interessi. In genere vengono utilizzati i valori 360 oppure 365.

Spread %: indicare lo spread da applicare in aggiunta al valore variabile rilevato. Tale valore sarà fisso per tutta la durata dell’ammortamento.

Opzioni avanzate tasso di interesse
Arrotonda Sup.: consente di indicare con quale approssimazione arrotondare per eccesso il tasso di interesse. Se le condizioni contrattuali prevedono ad es. l’arrotondamento allo 0,05 superiore basterà indicare proprio “0,05” al campo relativo.
Cap e Floor consentono di indicare rispettivamente un limite superiore e/o inferiore eventualmente pattuito del tasso di interesse.

Immagine


Impostazioni Avanzate tasso variabile

Nel caso in cui il finanziamento non sia agganciabile a nessun parametro variabile previsto dal software è possibile impostare manualmente il tasso scegliendo l’opzione VARIABILE AVANZATO come tipologia di tasso. La scelta è necessaria anche nel caso in cui il finanziamento preveda un periodo a tasso fisso e poi un periodo a tasso variabile, oppure, ancora, nel caso il tasso venga rilevato con periodicità non standard (ad esempio ogni 6 mesi mentre le rate sono mensili).

Immagine


Una volta selezionata questa tipologia di tasso di interesse nel piano di ammortamento compariranno delle colonne aggiuntive per configurare il tasso di interesse per ogni periodo di variazione.

Immagine


Si noti come la modalità di Impostazione Avanzata dei tassi permette di riprodurre qualunque variazione dei tassi di interesse prevista in contratto, verificando anche l’esattezza dei dati rilevati dagli istituti di credito.

Cliccando sul tasto “Inserimento automatico” comparirà un configuratore che permetterà di selezionare le impostazioni per tutti i periodi del piano.

Immagine


L’utente può scegliere di indicizzare più rate allo stesso tasso di interesse selezionato nella colonna Parametro (vedi sopra) e mantenerlo fisso per la durata desiderata in quanto spesso la periodicità di rilevazione del tasso di interesse non è standard. In alcuni contratti infatti, è possibile che la banca applichi tassi di interesse di natura variabile ma che rimangono fissi ad intervalli di tempo predeterminati. Supponiamo di aver sviluppato un piano di ammortamento con rimborso di rate mensili e che per le prime otto rate la banca applichi un tasso variabile Euribor 1 mese, divisore 360 e spread 2% rilevato ogni due mesi; per il periodo successivo invece sarà applicato un tasso Euribor 3 mesi rilevabile trimestralmente.
Nel caso specifico, in cui il piano prevede il rimborso di rate mensili, verrà applicato il tasso Euribor 1 mese con divisore 360 e spread 2%, che verrà rilevato ogni 2 mesi infatti sul Piano di ammortamento sviluppato in basso si osserva che il tasso del 2,018% rimane fisso con cadenza bimestrale; questo andamento sarà applicato dalla rata 1 fino alla rata 8. Dalla rata 9 invece, verrà applicato il tasso Euribor 3 mesi rilevato ogni 3 mesi nel secondo giorno successivo la data di decorrenza della rata 9. Tale tasso sarà valido fino alla fine del piano, se non si inserisce una nuova variazione a decorrere da una rata successiva. È possibile inserire più variazioni successive cliccando sul simbolo “+” per un massimo di dieci elementi.

Immagine


Si noti come il configuratore automatico agisca soprattutto sul parametro della rilevazione giorni, che sarà calcolato automaticamente per tener conto del giorno esatto di rilevazione dei tassi. Nell’esempio proposto infatti, per le prime rate la rilevazione avviene ogni 2 mesi, quindi per la seconda rata farà fede il tasso rilevato alla data di decorrenza della rata precedente, ossia esattamente 31 giorni prima.

Nella versione corrente, nella sezione Variabile Avanzato è possibile effettuare alcune operazioni che seguono la logica di un foglio di calcolo Excel (vedi APPENDICE)

Torna a “Usura Mutui e Leasing”