Formule Calcolo TEG

Avatar utente
cloudfinance
Admin
Admin
Messaggi: 1258
Iscritto il: 11/01/2016, 10:59

Formule Calcolo TEG

Messaggioda cloudfinance » 27/06/2017, 16:41

Menù argomeni del post:
TEG L.108-96
TAEG L.108-96
BANCA ITALIA 1996
BANCA ITALIA 2006
BANCA ITALIA 2009
BANCA ITALIA VIGENTI
BANCA ITALIA 2009 - ONERI X 4
TAEG G.U. 38 del 16-02-2011


TEG L.108-96
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG così come disciplinata dalla L. 108/96 che ha modificato il quarto comma dell'art. 644 c.p. che sancisce che: ''per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito''. Per tale motivo nel calcolo è inclusa la commissione di massimo scoperto e l'eventuale commissione di disponibilità fondi ove presente e tutti gli oneri e le spese collegati, così come sancito anche dalla sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II sezione penale n. 262/2010. Il TEG viene quindi calcolato per ogni trimestre di osservazione come:

(INTERESSI+CMS+SPESE) X 36500/NUMERI DEBITORI


TAEG L.108-96
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG così come disciplinata dalla L. 108/96 che ha modificato il quarto comma dell'art. 644 c. p. che sancisce che: ''per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito''. Per tale motivo nel calcolo è inclusa la commissione di massimo scoperto e l'eventuale commissione di disponibilità fondi ove presente e tutti gli oneri e le spese collegati, così come sancito anche dalla sentenza della Suprema Corte di Cassazione, II sezione penale n. 262/2010. Il TEG viene quindi calcolato per ogni trimestre di osservazione come:

(INTERESSI+CMS+SPESE) X 36500/NUMERI DEBITORI.

Dal TEG, calcolato come descritto in precedenza, si ricava il TAEG, che tiene conto dell'effetto della capitalizzazione trimestrale delle competenze.

La formula utlizzata per annualizzare il TEG è :

(1+TEG/4)^4 -1


BANCA ITALIA 1996
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG così come disciplinata dalle Istruzioni della Banca d'Italia nel 1996. Il TEG è quindi calcolato non includendo la Commissione di Massimo Scoperto tra gli oneri, calcolati su base trimestrale. Per quanto riguarda le spese, sono incluse solo le spese riconducibili all'erogazione del credito, denominate SPESE TEG nei prospetti tabellari di analisi.

La formula utilizzata per il calcolo è quindi:

(INTERESSI X 365)/NUMERI DEBITORI + ONERI/ACCORDATO.



BANCA ITALIA 2006
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG così come disciplinata dalle Istruzioni della Banca d'Italia del 2006, in particolare seguendo l'impostazione della circolare del 2 dicembre 2005. Nel calcolo del TEG viene quindi considerata ed aggiunta agli interessi alla prima frazione l'eccedenza tra la CMS e la CMS applicata. Tale eccedenza viene calcolata come differenza tra la CMS applicata e quella calcolata all'aliquota soglia della CMS, quindi sarà valorizzata solo a condizione che l’aliquota CMS sia usuraria. Per quanto concerne gli oneri, considerati su base trimestrali, sono state ricomprese solo le spese collegabili all'erogazione del credito, denominate SPESE TEG nei prospetti di analisi. La formula utilizzata per il calcolo è quindi:

((INTERESSI + ECCEDENZA CMS) X 365 / DEBITORI) + SPESE / ACCORDATO



BANCA ITALIA 2009
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG così come disciplinata dalle Istruzioni della Banca d'Italia del 2009. La Commissione di Massimo Scoperto viene quindi inclusa negli oneri, oltre alle spese riconducibili all'erogazione del credito. Gli oneri sono considerati su base annuale. Per i primi tre trimestri dell'analisi gli oneri vengono annualizzati in base alla media dei trimestri precedenti. Il TEG viene quindi calcolato, in base alla seguente formula:

(INTERESSI X 365)/NUMERI DEBITORI + (ONERI ANNUALI)/ACCORDATO.



BANCA ITALIA VIGENTI
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG così come disciplinata dalle Istruzioni della Banca d'Italia protempore vigenti. In particolare fino al IV trimestre 2005 si segue l'impostazione delle istruzioni del 1996, escludendo le CMS dal calcolo e considerando le spese trimestrali. Dal I trimestre del 2006 al IV trimestre del 2009 sono recepite le istruzioni contenute nella circolare del 2 dicembre 2009, includendo l'eccedenza CMS agli interessi al primo rapporto della formula. L'eccedenza CMS viene quindi calcolata come differenza tra la CMS applicata e quella calcolata all'aliquota soglia usura CMS. Infine, dal I trimestre del 2010, viene introdotto il concetto di oneri annuali, considerando tra questi anche le CMS.



BANCA ITALIA 2009 - ONERI X 4
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG basandosi sulle recenti modifiche apportate alle Istruzioni della Banca d'Italia nel 2009, non ancora operative. La commissione di massimo scoperto viene inclusa negli oneri, che sono però calcolati su base annua moltiplicando quelli trimestrali per 4. Il TEG viene quindi calcolato, in base alla seguente formula:

(INTERESSI X 365)/NUMERI DEBITORI + (ONERI TRIMESTRALI X 4)/ACCORDATO



TAEG G.U. 38 del 16-02-2011
Viene applicata la metodologia di calcolo del TEG basandosi sulle istruzioni pubblicate in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.38 del 16-2-2011 - Suppl. Ordinario n. 40. In particolare, recependo la Direttiva 2008/48/CE sui contratti di credito ai consumatori, si sostituiscono integralmente le istruzioni per la rilevazioni del TAEG del 29 luglio 2009 emanate dalla Banca d'Italia. L'allegato 5b del provvedimento illustra quindi chiaramente la metodologia di calcolo del TAEG per gli affidamenti in conto corrente, riassumibile con la seguente formula:

((UTILIZZATO + INT + ONERI)/UTILIZZATO)^(365/GIORNI)-1
Il Forum è uno strumento di scambio di idee e opinioni. Se invece si vuole chiedere assistenza utilizzare l’apposita sezione del portale “Assistenza”

Torna a “Opzioni di Analisi”